Il primo inverno

Con l’arrivo del primo inverno, quello del 2017, abbiamo iniziato a dedicarci alle prime potature. Si doveva affrontare la giungla dei kiwi. Cresciuti senza controllo avevano creato un intrico di getti lunghi metri e metri che avvolgevano gli alberi più vicini e la siepe di bosso. Si avanzava passo passo, guadagnando terreno metro dopo metro. Quando tutto lo spazio è stato liberato abbiamo visto la nuova destinazione di quell’angolo: ideale per la parte di vivaio dedicato alle piante da ombra. I filari di alberi creavano un bosco ordinato, quando fossero spuntate le foglie avrebbero fatto una bella ombra luminosa, ideale per le nostre piante che non vogliono sole diretto.

IMG_20170110_120035

In inverno tutto sembra ritirarsi in sè. Gli alberi sono nudi, l’erba è prosciugata dal gelo, appiattita, immobile, i cristalli di brina, che spesso coprono ogni cosa, cancellano i colori e li appiattiscono in un omogeneo biancore polveroso. Gli spazi sembrano dilatarsi e si mostrano nella loro essenza. Sgombrate le ramaglie, che avevamo raccolto in grandi cumuli, ritirate e messe da parte un pò di cose abbandonate qua e là, dai pali ai tutori abbandonati, a pile di mattoni e macerie, alla spazzatura vera e propria ammucchiata negli anni. Ora il nostro campo si presentava nudo e crudo, svuotato di tutto tranne degli alberi, che avremmo conservato in toto (anche quelli che sembravano un pò incongrui), della siepe che lo incorniciava, fatta di arbusti vari e di bossi in cattive condizioni (negli anni di abbandono le larve di piralide avevano banchettato ma, qualcuno meglio, altri meno, tutte le piante avevano resistito, a differenza di molti altri bossi in questa zona, uccisi in un paio di anni. Quale sia la ragione di questa resistenza non so dire; ho osservato che tutti i bossi che ho visto uccisi a seguito degli attacchi di piralide erano potati e topiati, i nostri non conoscevano forbici da anni)…..e il prato, che ormai, rasato un paio di volte, aveva perso l’ aria abbandonata e un pò selvaggia. Insomma: eravamo davanti alla classica pagina bianca e presi dallo smarrimento che questa produce.

Gennaio, con l’inizio del nuovo anno, è stato il mese in cui ha iniziato a mettersi in moto la macchina dell’immaginazione e dei progetti.

 

IMG_20161011_102901

IMG_20161225_221539

IMG_20161213_165222

IMG_20161004_185330

Un pensiero riguardo “Il primo inverno

  1. Anche delicato scrittore,oltre al giardiniere che è in te!lalla

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
search previous next tag category expand menu location phone mail time cart zoom edit close